Notizie Meteo

Resoconto climatico della prima metà di febbraio 2017 in Calabria

ECCOCI NUOVAMENTE CON I NOSTRI RESOCONTI CLIMATICI DEI CAPOLUOGHI DI PROVINCIA CALABRESI…

Sulla base dei dati del Centro Funzionale Multirischi della Calabria, analizziamo, pertanto, l’andamento climatico della prima metà del mese di FEBBRAIO 2017.

1. INIZIAMO CON ANALIZZARE L’ANDAMENTO DELLE TEMPERATURE…  

…fornendo per ogni città i valori medi mensili delle minime, delle medie e delle massime:

Città Temp. Minima Temp. Media Temp. Massima
Cosenza +4,1° +8,9° +14,4°
Crotone +9,3° +12,2° +14,5°
Catanzaro +7,9° +10,4° +14,0°
Vibo Valentia +7,0° +9,5° +12,8°
Reggio Calabria (*) +10,5° +13,1° +16,2°

1.1 Escursioni termiche

Come si può notare la più grande escursione termica spetta come sempre alla città di Cosenza con 10,3° di differenza tra le medie delle massime e delle minime.

La città con la più bassa escursione termica, invece, è risultata Crotone (con 5,2°).

1.2 Massime e minime assolute

La massima assoluta del periodo è stata di 19,7° il 5 febbraio a Reggio Calabria.

La minima assoluta è stata invece di +0,1° registrata il 15 febbraio nella città di Cosenza. (per vedere le massime e minime assolute della prima metà del mese di febbraio 2017 per ogni capoluogo vedi fig.1).

1.3 Le città più fredde e più calde

Analizzando i valori medi abbiamo che la città capoluogo più calda è risultata Reggio Calabria con +13,1° e Crotone con +12,2°.

La città più fredda è risultata invece Cosenza, con una temperatura media di soli 8,9° “battendo” le città di Vibo Valentia (9,5°) e Catanzaro (10,4°) (per vedere le temperature medie della prima metà del mese di febbraio 2017 per ogni capoluogo vedi fig.2).

1.4 Anomalie di temperatura

Vediamo adesso quanto questi valori si discostano dalle medie del periodo.

Ebbene, analizzando i dati forniti sempre dal Centro Funzionale Multirischi della Calabria, per il ventennio 1987-2006, per la prima metà del mese di febbraio, vediamo che:

Città Media della prima metà di FEB nel periodo 1987-2006 Anomalia termica della prima metà di FEB 2017
Cosenza +7,6° + 1,3°
Crotone +9,8° + 2,4°
Catanzaro +8,5° + 1,9°
Vibo Valentia +7,2 (*) + 2,3°
Reggio Calabria +11,6° + 1,5°

(*) riferite al periodo 2000-2015

Per vedere su carta le anomalie termiche della prima metà del mese di febbraio 2017 per ogni capoluogo vedi fig.3.

2. ANALIZZIAMO ORA LE PIOGGE…

…fornendo per ogni città i valori di pioggia e il numero di giorni piovosi:

Città Pioggia periodo [mm] N° giorni di pioggia (*)
Cosenza 33,4 5
Crotone 52,2 6
Catanzaro 61,4 5
Vibo Valentia 28,8 6
Reggio Calabria 26,2 4

(*) per giorno piovoso, in questa sede, si intende un giorno in cui il pluviometro ha segnato un accumulo maggiore o uguale a 0,2 mm.

In figura 4, si riportano i valori di pioggia della prima metà del mese di febbraio 2017.

2.1 Anomalie di pioggia

Le medie del periodo 1987-2006 e le relative anomalie, risultano, invece (vedi fig. 5):

Città Media di precipitazioni

(prima metà di FEB)

[mm]

Anomalia di precipitazione 

(prima metà FEB 2017)

[mm]

Anomalia di precipitazione

(prima metà FEB 2017)

rispetto alla media 

Cosenza 39,9 -6,5 – 16%
Crotone 30,8 +21,4 + 69%
Catanzaro 45,3 +16,1 + 36%
Vibo Valentia 39,2 -10,4 – 26%
Reggio Calabria 33,0 -6,8 – 21%

3. SINTESI CLIMATICA DELLA PRIMA META’ DI FEBBRAIO 2017 PER LE CITTA’ CAPOLUOGO CALABRESI

Da un punto di vista termometrico, dopo il gran freddo di Gennaio, la prima metà di febbraio ha segnato una pausa dell’inverno regalandoci un periodo molto più caldo delle medie: le anomalie positive, infatti, sono comprese tra i +1,3° di Cosenza e i +2,4° di Crotone.

Da un punto di vista pluviometrico, invece, si registra un periodo variegato: poco al di sotto delle medie Cosenza (-16%), Vibo Valentia (-26%) e Reggio Calabria (-21%), mentre piovosi sono risultati Catanzaro (+36%) e soprattutto Crotone (+69%), favoriti dalle correnti orientali e di scirocco convogliate da minimi di bassa pressione che hanno scelto, nel corso di questi ultimi 15 giorni, traiettorie molto “basse”, cioè scivolando dal Tirreno verso lo Ionio siciliano e successivamente il mar Egeo. 

Tali condizioni hanno favorito, inoltre, il verificarsi di nevicate molto abbondanti alle quote alte dei versanti maggiormente esposti alle correnti di scirocco suddette: sulla Sila Piccola, oltre i 1500 m slm (località di Buturo e Tirivolo), sono caduti fra 1 m e 1,5 m di neve, come testimoniato anche dall’impressionante foto di Raffaella Piccinino posta come copertina del nostro articolo.

Foto in copertina scattata dal Pollino. Autore: Raffaella Piccinino

FIGURA 1

FIGURA 2

FIGURA 3

prima meta febbraio 2017

FIGURA 4

prima meta febbraio 2017

FIGURA 5

I nostri meteo link rapidi:

Tags

Ultimi Articoli

Back to top button