Notizie Meteo

Prima metà di dicembre: mese secchissimo ovunque e mite, tranne nelle valli….

ECCOCI NUOVAMENTE CON I NOSTRI RESOCONTI CLIMATICI DEI CAPOLUOGHI DI PROVINCIA CALABRESI…

Sulla base dei dati del Centro Funzionale Mutlirischi della Calabria, analizziamo, pertanto, l'andamento climatico della prima metà del mese di DICEMBRE 2015.

 

1. INIZIAMO CON L'ANALIZZARE L'ANDAMENTO DELLE TEMPERATURE…  

…fornendo per ogni città i valori medi mensili delle minime, delle medie e delle massime:

CittàTemp. MinimaTemp. MediaTemp. Massima
Cosenza+4,0°+8,6°+15,6°
Crotone+9,6°+12,7°+15,7°
Catanzaro+9,8°+12,2°+15,8°
Vibo Valentia+8,2°+10,4°+13,6°
Reggio Calabria+12,4°+14,5°+17,5°

 

1.1 Escursioni termiche

Come si può notare la più grande escursione termica spetta come sempre alla città di Cosenza (ben 11,6° di differenza tra le medie delle massime e delle minime), esaltata dalla presenza di un anticiclone "monstre" che ha dominato la scena mediterranea per quasi tutto il periodo.

Le città con le più basse escursioni termiche, invece, sono risultate Reggio Calabria e Vibo Valentia (rispettivamente soli 5,1° e 5,4° di differenza tra le medie di minime e massime).

 

1.2 Massime e minime assolute

La massima assoluta del periodo è stata di 19° il 3 dicembre a Reggio Calabria; la minima assoluta è stata invece di 1,5° il 14 dicembre registrata nella città di Cosenza (per vedere le massime e minime assolute della prima metà del mese di dicembre 2015 per ogni capoluogo vedi fig.1): a testimonianza della continentalità del clima bruzio, si consideri che Cosenza ha registrato tutte le minime giornaliere del periodo al di sotto dei 10°, con una media delle minime bassissima pari a soli 4,0°, mentre le massime, dati i cieli quasi sempre sgombri da nubi significative, hanno registrato una media abbastanza alta (15,6°). Tutto ciò è stato causato proprio dall'anticiclone di cui sopra, come descritto nel nostro articolo del 15 dicembre.

 

1.3 Le città più fredde e più calde

Analizzando i valori medi abbiamo che: la città capoluogo più calda è risultata di gran lunga Reggio Calabria (+14,5°) seguita da Crotone (+12,7°) (per vedere le temperature medie della prima metà del mese di dicembre 2015 per ogni capoluogo vedi fig.2).

La città più fredda è risultata invece Cosenza, grazie alle suddette notti molto fredde, con una temperatura media di soli 8,6° "battendo" la città di Vibo Valentia (10,4°).

 

1.4 Anomalie di temperatura

Vediamo adesso quanto questi valori si discostano dalle medie del periodo.

Ebbene, analizzando i dati forniti sempre dal Centro Funzionale Mutlirischi della Calabria, per il ventennio 1987-2006, per la prima metà del mese di dicembre, vediamo che:

 

CittàMedia nel periodo 1987-2006Anomalia termica della prima metà di dicembre 2015
Cosenza+9,2°-0,6°
Crotone+11,8°+0,9°
Catanzaro+10,5°+1,7°
Vibo Valentia
Reggio Calabria+13,7°+0,8°

 

Nulla purtroppo si può dire per Vibo Valentia le cui osservazioni in telecontrollo sono incominciate solo intorno al 2000, quindi un campione di dati troppo poco significativo. (per vedere su carta le anomalie termiche della prima metà del mese di dicembre 2015 per ogni capoluogo vedi fig.3).

Un periodo pertanto complessivamente più caldo della media, tranne nelle zone vallive dove l'impero anticiclonico ha provocato notti talmente fredde tali da abbassare le medie giornaliere a valori al di sotto delle medie del periodo, come può osservarsi dalla tabella seguente che mostra le medie ventennali dei valori minimi di ogni capoluogo, e le relative anomalie: Cosenza presenta uno scarto negativo rispetto alla media di 1,5°, mentre tutte le altre città, poste in zone non vallive, hanno registrato notti molto più calde delle medie del periodo.

 

Città

Media dei valori minimi

nel periodo 1987-2006

Anomalia termica delle minime della prima metà di dicembre 2015

Cosenza+5,5°-1,5°
Crotone+8,2°+1,4°
Catanzaro+8,3°+1,5°
Vibo Valentia
Reggio Calabria+10,7°

+1,7°

 

Di contro, invece, tutti i capoluoghi hanno presentato valori massimi (quindi in pieno giorno) più alti delle medie del periodo, soprattutto per Cosenza e Catanzaro.

 
Città

Media dei valori massimi

nel periodo 1987-2006

Anomalia termica delle massime della prima metà di dicembre 2015

Cosenza+13,3°+2,3°
Crotone+15,3°+0,4°
Catanzaro+13,2°+2,6°
Vibo Valentia
Reggio Calabria+16,9°

+0,6°

 

2. ANALIZZIAMO ORA LE PIOGGE…

…fornendo per ogni città i valori mensili di pioggia e il numero di giorni piovosi:

CittàPioggia periodo [mm]N° giorni di pioggia
Cosenza56
Crotone0,41
Catanzaro82
Vibo Valentia22,47
Reggio Calabria61

 

Come si vede dalla figura 4la prima metà del mese di dicembre 2015 è stato estremamente secca. Si noti solo una particolarità per il dato di Cosenza che è bassissimo (solo 5 mm) ma con, ufficialmente, ben 6 giorni pioggia. E' necessario chiarire tale apparente "discordanza": si ricorda che per "giorno di pioggia" si definisce un giorno in cui si è prodotta una quantità di pioggia maggiore o uguale a 0,2 mm: ebbene durante i regimi anticiclonici, nelle ore notturne, con l'abbassamento termico nelle zone vallive più volte descritto, la formazione della rugiada sul pluviometro sia talmente elevata da riempire il sistema a bascula dello stesso strumento, che quindi segnerà il valore minimo di 0,2 mm: in effetti ben 4 dei 6 giorni di pioggia di Cosenza in questo periodo hanno registrato tale valore nonostante il bel tempo imperante. 

 

2.1 Anomalie di pioggia

Le medie del periodo 1987-2006 (in questo caso è possibile analizzare anche i dati della città di Vibo Valentia) e le relative anomalie, risultano, invece (vedi fig. 5):

 

Città

Media di precipitazioni

(prima metà di dicembre)

[mm]

Anomalia di precipitazione 

(prima metà dicembre 2015)

[mm]

Anomalia di precipitazione

(prima metà dicembre 2015)

rispetto alla media 

Cosenza52,7-47,7-90,5%
Crotone49,2-48,8-99,0%
Catanzaro66,8-58,8-88,0%
Vibo Valentia62,6-40,2-64,2%
Reggio Calabria42,6-36,6-86,0%

 

 

3. SINTESI CLIMATICA DELLA PRIMA META' DI DICEMBRE 2015 PER LE CITTA' CAPOLUOGO CALABRESI

Periodo sostanzialmente PIU' CALDO DELLA MEDIA con anomalie che vanno dai +0,8° di Reggio Calabria ai +1,7° di Catanzaro, tranne nelle zone vallive come Cosenza, dove il regime anticiclonico e i gli associati fenomeni di inversione termica notturna hanno spinto le temperature minime e medie ad essere più fredde rispetto a quelle del periodo.

Da un punto di vista PLUVIOMETRICO si registra un periodo SECCHISSIMO su quasi tutti i capoluoghi con anomalie negative che variano fra il 64% di Vibo Valentia e il 99% di Crotone.

 

FIGURA 1

 

FIGURA 2

 

FIGURA 3

 

FIGURA 4

 

FIGURA 5

Tags

Ultimi Articoli

Back to top button